Campo di utilizzazione delle varie prove Brinell

La durezza del materiale determina in primo luogo, dovendo rispettare quanto considerato in precedenza, quale dei rapporti può essere usato. Stabilito il rapporto adatto, il carico sarà scelto in funzione di alcuni elementi:

1. Lo spessore del pezzo da controllare, poiché rimangono valide le considerazioni espresse nel capitolo sul procedimento Rockwell e cioè che, convenzionalmente, si considera lo spessore minimo misurabile pari a 10 volte la profondità dell’impronta (tabella 6).

Image

2. Il grado di omogeneità del materiale, poiché, per materiali poco omogenei, è preferibile impiegare un carico alto.

3. La facilità di lettura, poiché la rilevazione del diametro dell’impronta, sia con il microscopio, sia con il proiettore, è più facile su un’impronta grande che su una piccola.

Segnaliamo, qui di seguito, le prove Brinell utilizzate per i diversi materiali:

Acciaio: Si usa praticamente sempre la prova HB30. Per gli acciai, la prova Brinell è molto importante, perché esiste un rapporto costante, abbastanza preciso, tra la durezza Brinell e la resistenza a trazione (con un rapporto di 0.36 per gli acciai al carbonio, al cromo e al cromo-manganese; con un rapporto di 0.34 per gli acciai al nichel-cromo). Esempio: 225 HB30x0.36x9.807= 794.3 N/mm² Questo è l’unico metodo non distruttivo, per conoscere la resistenza a trazione di un acciaio. Per gli acciai temprati duri, però, il procedimento Brinell non è utilizzabile, perché, non prevedendo il penetratore di diamante, non è generalmente impiegato per gli acciai bonificati superiori a 1765 N/mm². Per il controllo del ferro dolce, si impiega, normalmente, la prova HB30, nonostante il diametro dell’impronta superi lo 0.6 del diametro della sfera.

Ghisa: Si usa sempre la prova HB30. A causa della scarsa omogeneità, è consigliabile usare il carico più alto compatibile con lo spessore del pezzo; normalmente, si utilizza il carico di 3000 kgf.

Leghe leggere: Si usa normalmente la prova HB10 o HB5 e, per leghe molto morbide, anche la HB 2.5. Essendo diverse le prove possibili, facilmente si crea confusione quando non è ben specificato il tipo di prova da eseguire (a differenza delle leghe ferrose, per le quali si utilizza sempre la prova HB30).

Leghe di rame: Si usa la prova HB10 per il bronzo (se particolarmente duro anche HB30) e HB5 o HB10 per gli ottoni.